Varie

Giorni settimana in inglese: info generali

Chi impara una lingua partendo da zero dovrà necessariamente iniziare apprendendo le parole più utilizzate.

A questa categoria appartengono i giorni della settimana, per cui è bene prendere del tempo per memorizzarli correttamente.

 

L’origine dei nomi dei giorni

 

L’inglese è una lingua che possiede molti elementi degli idiomi indoeuropei.

Di conseguenza, molte parole presenti nel suo vocabolario presentano delle radici assai diverse se confrontate con quelle dell’italiano, lingua neolatina per eccellenza. Relativamente ai giorni della settimana, per comprendere le loro origini è necessario andare indietro nei secoli fino al periodo dell’impero romano.

I Romani basarono il nome dei giorni sulle loro divinità ed i pianeti allora conosciuti, in quanto erano convinti dell’esistenza di un rapporto tra i loro dei e le apparizioni dei corpi celesti nel cielo notturno.

Giove, Marte, Mercurio, Venere e Saturno sono i pianeti che si scorgono ogni notte, oggi come al tempo dei Romani.

É sulla base di questi pianeti che gli astronomi dell’antichità hanno battezzato i nomi dei giorni latini, aggiungendo alla lista la luna per lunedì (il nome domenica viene invece da “dominus”, giorno del signore).

 

I nomi dei giorni in inglese

 

I nomi della settimana in inglese presentano delle similitudini con quelli latini, ma anche delle sostanziali differenze, derivate da un diverso contesto culturale e religioso.

La domenica si indica con il termine “Sunday”, che proviene dalla parola “sun” (sole): essendo il giorno più importante, quello dedicato al riposo e alla preghiera, è stato associato con l’elemento principale del sistema solare.

La seconda parte della parola (“day”, che significa giorno), trae invece le sue origini dal germanico “daeg”. Come si può notare, questa terminazione è presente in tutti i giorni della settimana.

Lunedì è tradotto con “Monday” e la spiegazione è semplice: così come per i latini, si tratta del giorno della luna, che in inglese si indica con la parola “Moon”.

Per quanto riguarda il martedì, questo è associato al dio della guerra, che per i germanici non era Marte, bensì il potente Tiu, che ha dato origine successivamente al nome del giorno “Tuesday”.

Il mercoledì era per i Romani il giorno consacrato a Mercurio, il cui equivalente anglosassone era Odino, poi diventato Woden ed infine Wodan, da cui ha avuto origine il termine “Wednesday”.

Anche nel caso di giovedì abbiamo a che fare con due divinità diverse.

Per i romani il dio di riferimento per questo giorno era Jupiter, altresì noto con il nome di Giove, divinità suprema e creatore di luce e tuoni.

Il suo corrispondente germanico era Thor, impetuoso dio creato venerato dagli scandinavi che troviamo spesso raffigurato su una carrozza in cielo.

Dal suo nome si è sviluppato il termine “Thursday”.

Venerdì è il giorno dedicato a Venere, famosa dea della bellezza e dell’amore celebrata dai latini.

Anche gli scandinavi si sono ispirati ad una divinità simile per indicare questa giornata: “Friday” deriva infatti da Frigg, probabilmente indicata anche come Fria, dalle caratteristiche corrispondenti alla dea dei Romani.

Infine, il Sabato è tradotto in inglese con “Saturday”, ovvero il giorno di Saturno, dio dell’agricoltura.

 

Riepilogo: days of the week (I giorni della settimana)

 

Lunedì = Monday

Martedì = Tuesday

Mercoledì = Wednesday

Giovedì = Thursday

Venerdì = Friday

Sabato = Saturday

Domenica = Sunday